Influencer Marketing e Social Media Marketing: Binomio vincente!


Influencer Marketing e Social Media Marketing

Qual’è la differenza tra influencer marketing e social media marketing?

Entrambi possono avere un impatto enorme sulle entrate e sulla reputation della tua azienda, e nessuna delle due strategie dovrebbe essere presa alla leggera o ignorata.

Il social media marketing è spesso vissuto dai consumatori come un’estensione personale dell’autorità della tua azienda sui canali social.

L’influencer marketing, d’altra parte, sfrutta il “capitale sociale” delle persone di cui il pubblico di riferimento si fida per espandere la consapevolezza e l’affinità con il proprio marchio.

Gli influencer dei social media sono così parte della cultura moderna che sta influenzando le scelte lavorative dei più giovani.

Un recente studio condotto da LEGO ha dimostrato che i bambini negli Stati Uniti dagli 8 ai 12 anni hanno tre volte più probabilità di voler diventare uno YouTuber (29%) rispetto a un astronauta (11%).

E su Google scrivendo  “marketing sui social media“, troverai più di 2,9 miliardi di articoli che lo citano.

Con 148 milioni di follower su Instagram, Kylie Jenner è un ottimo esempio della forza di marketing di un influencer.

I suoi post ricevono spesso 8 o 9 milioni di “Mi piace” nelle prime 24 ore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kylie ✨ (@kyliejenner) in data:

Come osserva Forbes, Jenner è la più giovane miliardaria che si sia mai fatta da solo – avendo lavorato come brand ambassador per marchi come Puma e Adidas prima di lanciare il suo Kylie Cosmetics, valutato circa $ 900 milioni. Jenner è l’influencer per antonomasia.

 

L’ascesa degli influencer è il risultato dell’evoluzione degli ecosistemi dei social media

 

L’influencer marketing è una nicchia del social media marketing che comprende sponsorizzazioni e posizionamenti di prodotti da parte di individui – come Jenner – che sono influenti nei rispettivi settori.

Gli influencer possono essere trovati in qualsiasi settore e usano la loro influenza e voce per aiutare le aziende ad acquisire consapevolezza, credibilità e fiducia.

Recenti studi rivelano che gli utenti di Internet di età compresa tra 18 e 34 anni ha acquistato un prodotto o servizio raccomandato da un influencer. E circa un terzo degli utenti intervistati ha dichiarato di aver effettuato un acquisto dopo aver visto un post di un influencer.

L’influencer marketing spesso comporta un pagamento o un indennizzo con beni o servizi in cambio della promozione del brand o di un prodotto.

Secondo attuali stime di mercato, Il marketing dell’influencer raggiungerà un valore complessivo compreso tra $ 5 e $ 10 miliardi entro il 2020.

Quindi, esattamente per cosa si differenzia dal classico social media marketing?

Quali sono alcuni modi in cui le aziende possono attingere? E come possono le attuali strategie di marketing sui social media e con gli influencer farne un uso intelligente?

 

L’evoluzione del social media marketing

 

Cosa c’è di così importante nel fare social media marketing attraverso un influencer?

Invece di essere a senso unico, fa spazio alla voce del consumatore attraverso la capacità di commentare, porre domande e condividere opinioni visibili agli altri.

Mentre i tradizionali metodi di marketing si sono concentrati sulle quattro P – Product, Placement, Promotion and Price – il marketing sui social media ha introdotto la quinta P: People.

Le campagne di marketing sono diventate conversazionali e persino a doppio senso, con i consumatori come partecipanti attivi, che condividono le loro opinioni, sia positive che negative, e se i dipartimenti di marketing e PR, li ignorano è a loro rischio e pericolo.

 

La rapida ascesa dell’Influencer Marketing

 

Secondo un recente sondaggio di Influencer Marketing Hub,  afferma che, per il 92%  il marketing degli influencer è una forma efficace di marketing.

I brand hanno sempre saputo che i consumatori hanno maggiori probabilità di credere ad altre persone di cui si fidano.

L‘influencer marketing è l’equivalente moderno del tradizionale sponsor delle celebrità televisive.

Ricordi i famigerati spot TV?

Possiamo pensare a quelli come presagi del marketing degli influencer: l’uso di personaggi pubblici per far avanzare un marchio o un prodotto.

I marketer avevano già l’approvazione delle celebrità nel loro toolkit, ma l’ascesa degli influencer dei social media ha cambiato questo metodo di marketing.

Ad esempio, le campagne di influencer sono collaborazioni collettive tra marchi e influencer.

In altre parole, gli influenzatori “influenzano” davvero i concetti stessi.

A differenza della precedente generazione di portavoce di celebrità, gli influencer esprimono le proprie esperienze e opinioni con la propria voce.

Hanno costruito un capitale sociale, credibilità e un seguito condividendo e interagendo con i loro seguaci.

È questa autentica sensazione di connessione tra gli influenceri e il loro pubblico che è così preziosa per le aziende che associano il loro marchio alla credibilità degli influencer.

 

Influencer Marketing di successo

 

Il distillatore scozzese Lagavulin ha preso d’ assalto Internet pubblicando un video di Yule di umorismo secco con Nick Offerman, star di Parks and Recreation, intitolato My Tales of Whiskey Holiday Edition: Yule Log di Nick Offerman.

Nel video di 45 minuti (che ha raccolto 3,6 milioni di visualizzazioni fino ad oggi) il famoso stoico Offerman siede su una gigantesca sedia di pelle accanto a un fuoco scoppiettante, a volte sorseggiando lentamente dal suo bicchiere di whisky e senza dire nulla.

 

La campagna è stata una sapiente svolta sullo strano fenomeno del video di Yule, tradizionalmente trasmesso dalle stazioni televisive intorno al periodo natalizio per riempire gli spazi vuoti.

Ciò che ha reso la clip particolarmente divertente, oltre che virale, è stata la totale mancanza di dialoghi. L’unica “azione” è stata quando Offerman ogni tanto beveva un sorso lento dal suo bicchiere di whisky.

 

Influencer Marketing ai Millennials

 

La campagna #MeetAnOwner di Subaru ha sfruttato il vlogger sportivo Devin Graham per la sua campagna video influencer con la nuova Impreza e rivolta a avventurosi acquirenti millenari.

Il video – che ha guadagnato oltre 1 milione di visualizzazioni su YouTube – mostra Graham e i suoi amici scivolare giù da una scogliera di 500 piedi (con paracadute).

 

Un post dice: “Sono stato alla guida di una Subaru da quando avrei potuto guidare a 16 anni e non avrei mai pensato di avere la possibilità di lavorare con un marchio che amavo sinceramente!” Graham ha ringraziato Subaru nella descrizione del video e nel suo Instagram sponsorizzato di accompagnamento post che hanno promosso il video.

 

Social media combinati con i dati dei clienti: una combinazione potente

 

I social media hanno trasformato il business e il modo in cui i clienti si aspettano di interagire con i marchi scelti.

E lo storytelling – è al centro. In un’intervista, Marc Mathieu, CEO di Samsung USA, afferma:

“Avevo un modo di dire a Unilever che era: Il marketing era solito creare un mito e venderlo”. Ora, si tratta di trovare la verità e condividerla.

Essere trasparenti e concentrarsi sul raccontare una storia in un modo molto umano, divertente e onesto con cui le persone possono interagire è fondamentale.”

E poiché i tipi di storie che le persone trovano attraenti variano immensamente tra le persone, la tendenza è quella di utilizzare l‘intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico (ML) con enormi set di dati dei clienti per capire come le persone rispondono a blog, influencer e social media in generale.

Ad esempio, il gigante giapponese del centro commerciale PARCO ha utilizzato i social media e l’analisi dei dati mobile per scoprire una correlazione tra il ritaglio di un articolo di blog in uno dei suoi negozi affiliati e un aumento del numero di acquirenti o acquisti in quel negozio.

PARCO utilizza queste informazioni, insieme ai singoli profili dei dati dei clienti dalla sua piattaforma di dati dei clienti (CDP), per ottimizzare le offerte per ciascun cliente.

Utilizzando AI e ML su grandi set di dati dei clienti, PARCO ha ottimizzato le raccomandazioni negli articoli del blog in base alle preferenze e ai dati comportamentali dei clienti.

In particolare, usano l’intelligenza artificiale (AI) e l’apprendimento automatico (ML) per analizzare quali articoli dei negozi i clienti ricercano frequentemente e dove vanno i clienti dopo aver visitato o letto ogni blog.

I risultati vengono utilizzati per decidere quali blog e offerte mostrare ai clienti.

L’influencer marketing è un modo per le aziende di raccontare storie attraverso relazioni uno-a-molti che gli influencer hanno con i loro fan e follower, il tutto raccogliendo i dati di cui i marketer hanno bisogno per capire meglio i loro clienti.

L’ascesa dei social media ha fornito alle aziende gli strumenti e la flessibilità per partecipare all’esperienza sociale, coinvolgendo i clienti in un ambiente interattivo sempre attivo, acquisendo nuovi flussi di dati e approfondimenti che aiutano sia nuovi clienti potenziali che quelli esistenti a convertire, acquistare di più e promuovere il tuo marchio con le loro interazioni.

Guida Inbound Marketing per PMI B2B B2C

Write a comment

Send this to a friend