Get In Touch
Milano - Pescara
email:
Phone: +39
Work Inquiries
candidature@impoorve.it
Phone: +39
© 2020, Improove
P.iva 02507250690 REA CH-184123

14 motivi perché il tuo sito web aziendale non converte


Com’è che avevi sentito dire o prometterti: questo sarà un sito web aziendale per uccidere la concorrenza! La famosa frase carica di entusiasmo nella mente del committente e nel furfante di turno. Ma l’unica cosa che ha ucciso – sono state le speranze di quell’azienda riposte nel progetto con conseguente perdite di tempo e investimenti.

Quindi prima di apprestarti a realizzare un restyling o un nuovo sito web, dovresti respirare, fare un analisi approfondita, capire quali sono stati gli errori e iniziare ad essere consapevole del risultato che ottieni e non – e perché il tuo sito web è nell’oblio.

sito web aziendale non converte visite

Ecco alcuni punti su cui riflettere sul perché il tuo sito Web non funziona e perché il tuo progetto è condannato dall’inizio.

Il tuo sito web attuale non è ottimizzato per la SEO

 

Cominciamo dal perché hai un sito Web in primis. Le persone sono online. Oggi si fa impresa online, si generano grandi volumi. Pertanto vorresti essere lì anche tu! Ma questo non basta. Successivamente, devi essere “visibile“. Le persone possono devono trovarti facilmente e nel momento giusto.

Qual è il primo posto dove vai quando hai una domanda o una ricerca da fare su qualsiasi argomento? Sui motori di ricerca!. Nello specifico su Google o ancora oggi, ti appresti ad effettuare la tua ricerca vocale su Siri, Alexa o altro. E anche Siri generalmente cerca con Google.

Quindi se il tuo sito web attuale non è ottimizzato per la SEO e per quelle che quantomeno sono le regole base, la riprogettazione o il restyling del tuo sito web non avrà importanza. Lavora prima sull’ottimizzazione del tuo motore di ricerca.

Non è mobile friendly – Responsive

 

Oltre al lavoro sulla SEO in generale, assicurarti che il tuo sito web sia ottimizzato per i dispositivi mobile, ti aiuterà a migliorare la ricerca e l’esperienza utente. Più veloce viene caricato, ad esempio, maggiore è l’importanza che Google attribuisce ad esso – perché le persone “letteralmente” non faranno dentro e fuori dal tuo sito a causa dei tempi di caricamento lenti.

Inoltre, considerare il motivo per cui le persone potrebbero accedere al tuo sito Web dal proprio telefono è utile nella progettazione di UX.

Non sai effettivamente cosa funziona e cosa no!

 

Non puoi sapere dove stai andando se non sai dove sei. Hai esaminato le tue attuali frequenze di rimbalzo? Sempre ammesso che sia stato implementato il monitoraggio degli Analytics. Che dire dei tassi di conversione dei visitatori in contatti o clienti? Se non stai considerando ciò che non funziona sul tuo sito web attuale, prima di decidere di apportare modifiche, potresti voler prendere respiro.

Le pagine di destinazione dei servizi ti inviano lead qualificati? Qualcuno visita la pagina del tuo team? Chi Siamo? La pagina dei contatti? Osservando cosa funziona e cosa no, potresti provare un aggiornamento del sito Web con una strategia di ottimizzazione delle conversioni più economica rispetto a una riprogettazione completa del sito Web.

Non chiedere al Front Office o al cugino di scrivere il Copy

 

Quando la tua auto ti lascia a piedi e presenta un problema, da chi vai? Probabilmente chiamerai un meccanico esperto o la stessa concessionaria con spiccate competenze nel risolvere il problema. Se vuoi far del bene alla tua azienda, cerca qualcuno con le giuste competenze. Se desideri che il tuo sito web generi traffico e entrate per la tua attività, assicurati di avere un professionista qualificato che scriva la tua copy.

E se hai trascurato questo aspetto anche in un probabile restyling, allora hai di nuovo dei grandi problemi o ti piace così tanto far del male alla tua azienda.

Non valutare la concorrenza e le tendenze del settore

 

Un analisi approfondita riguardo alla tua concorrenza, la tecnologia che usano, uno screening sulla strategia di marketing, sempre ammesso che ve ne sia una, dovrebbe sempre essere effettuata. Questo ti aiuta a vedere cosa stanno facendo i tuoi concorrenti e dove si trova l’industria di riferimento in questo momento e pianificare strategicamente il possibile futuro ti darà un vantaggio.

Se stai progettando un restyling del sito Web senza guardare il mondo intorno a te, probabilmente ti perderai qualcosa che potrebbe generare un idea geniale al nuovo sito.

Una Home Page non ottimizzata

 

La tua home page è la porta d’ingresso sul tuo tuo mondo digitale. È un pezzo importante del puzzle. Quando essa è lenta, o quando si crea un’esperienza utente scadente, dovrai affrontare un percorso difficile per convincere gli utenti a diventare contatti.

Un intera slide di immagini che richiede ore per il caricamento non è utile ne per l’utente ne per il famoso Google. Tanto meno una che richiami migliaia di script, solo perché ti piaceva un effetto. Questi possono generare problemi con l’esperienza utente e con le mappe di calore per gli analytics. Conseguenza: tassi di abbandono elevati. Il copy e i tuoi servizi assumo un ruolo importante…

Quando un potenziale cliente, un lead o un cliente visita il tuo sito Web, devono immediatamente sapere di essere nel posto giusto per quello che stanno cercando. Devono anche sapere che quel servizio è quello in cui sei specializzato. Puoi farlo attraverso un copy ben realizzato.

I tuoi potenziali clienti e lead sapranno immediatamente cosa risolvi, come, per chi e dove. Tutte le cose che devono sapere per iniziare a costruire fiducia e iniziare una conversazione con il tuo team.

Menu eccessivamente complicati e UX errato

 

Parlando di pensare ai visitatori del tuo sito Web… se stai progettando un menu complicato, con troppe voci e pulsanti e non stai pensando a come l’utente finale navigerà nel tuo sito, hai ben messo le basi per il fallimento dell’esperienza utente (UX). Ogni restyling del sito Web deve includere uno step di approfondimento sulla UX.

Nessun focus principale basato su prodotti, servizi o Buyer Personas

 

Crea il percorso dell’acquirente (Buyer Journey) configurando il tuo sito tenendo a mente la tua Buyer Personas e concentrando i prodotti e le offerte di servizi sulla soluzione delle loro esigenze.

Qualunque sia la nicchia aziendale in cui ti trovi, ti consigliamo di capire perché il tuo contatto ideale dovrebbe scegliere di interagire con te o effettuare un acquisto. Stai risolvendo un problema specifico per loro? Puoi parlare con quel bisogno specifico? Si, puoi!

Immagina uno spettatore che arriva sul tuo sito Web e nota che parli direttamente alle sue esigenze, e si sente capito apprezzandone la soluzione o consiglio proposto – Pensi che sceglierà unicamente in base al prezzo? Conoscere i tuoi acquirenti e offrire i migliori contenuti in base a ciò che sai su di loro significa che hai un ottimo sito web.

Se il tuo sito attuale non ha questo in atto, assicurati la prossima volta di farlo per bene.

Ogni frase inizia con “Noi”

 

Chi vuole interagire con qualcuno che parla sempre di se stessi? Lo stesso vale per le aziende. Se il copy del sito web è pieno di pronomi personali, sei pronto per un brusco risveglio. Gli spettatori, quelle persone che potrebbero diventare lead e clienti, vogliono immedesimarsi nelle tue parole.

Ecco un esempio:

In Luxottica siamo i principali produttori di occhiali. Siamo i migliori in città e realizziamo gli occhiali più eleganti. Non vediamo l’ora di darti il ​​benvenuto nel nostro negozio in modo da poter trovare gli occhiali migliori per te.

oppure

Vuoi apparire al meglio mentre vedi il meraviglioso mondo che ti circonda. E vuoi farlo senza spendere una fortuna? Trova gli occhiali migliori in base al tuo budget in modo da apparire alla grande senza spendere una fortuna con Eyewear. Assicurati di avere il tuo paio di occhiali di realtà aumentata adesso!

Quale copia ti attira? Certo possono sempre essere migliorati – ma molto meglio del noi i primi sul mercato!

Noi così – noi colà – o da 35 anni sul mercato non importa più a nessun – non è un emozione! Non vendi un esperienza…

Strategia di contenuto scadente o inesistente

 

Se la tua strategia di content marketing manca di definizione, stai affrontando un viaggio difficile. Che tipo di contenuto creerai? Per chi lo stai creando? Includerà video, contenuti di lunga durata, contenuti sui social media e altro? Pagherai per le ads?

Oltre alla strategia dei contenuti, come misurerai il successo? Ti consigliamo di impostare kpi e obiettivi, stabilire indicatori chiave di prestazione (KPI) che misurerai, conoscere il tuo pubblico previsto e altro ancora.

Quando inizi una riprogettazione del sito web senza una strategia di contenuto, stai solo bruciando tempo e budget. Non vincerai una gara, se è questo che vuoi fare.

Ritardare l’avvio del progetto

 

Hai mai sofferto di paralisi da analisi? Voltaire diceva: “Perfetto è il nemico del bene“. Ci piace modernizzarlo e dire “La perfezione è nemica del fatto”. Se hai avviato e interrotto la riprogettazione di un sito Web, stai condannando il tuo team e la tua azienda. Quello che volgiamo dirti è che semplicemente non sarà mai nulla perfetto al lancio – le cose le migliorerai strafacendo e raccogliendo i primi dati di analisi.

Utilizzare invece il metodo MVP. Un prodotto minimo redditizio (MVP minimum variable product) è una versione di un prodotto con funzionalità sufficienti per soddisfare i primi clienti e fornire feedback per lo sviluppo futuro del prodotto. Fai in modo che il lavoro per un sito web riprogetti e cresca da lì.

Questo è in realtà il segreto della strategia di marketing del growth driven design (GDD) . Cerca di migliorare continuamente la tua presenza online piuttosto che un progetto gigantesco.

Ovvero la struttura di un nuovo sito web, in genere una home page, pagine istituzionali, blog e pagine di livello superiore. Quindi, costruisci il resto del tuo sito web nel tempo con le informazioni basate sui dati che provengono dalle analisi e come gli utenti interagiscono e convertono su ogni pagina.

Mancanza di opportunità di conversione

 

Laddove mancano chiari passi successivi o percorsi chiari per le persone, c’è confusione. Se non stai esaminando le tue opportunità di conversione e l’ ottimizzazione del tuo tasso di conversione, è probabile che tu abbia una riprogettazione del sito web destinata ad essere già un flop.

Come tutto il marketing efficace, lo sviluppo del percorso di conversione inizia e termina con i tuoi clienti. Offri loro ciò di cui hanno bisogno e crea opportunità per loro di compiere il passo successivo nel percorso acquirente: questo è il tuo percorso per diventare un cliente.

Le opportunità di conversione possono essere pulsanti o link di invito all’azione (CTA), un bot nel posto giusto, inviti all’azione sui social media, CTA video e altro ancora. Se nessuno che visita il tuo sito Web appena riprogettato converte, perché sono lì?

Nessuna riprova sociale o feedback degli utenti

 

Quando prendi un’importante decisione di acquisto, ti piace sapere se altri hanno avuto la stessa esperienza?  Il restyling del tuo sito web deve include la condivisione di recensioni di Google, consigli di Facebook o altre prove e recensioni di terze parti? Si. Quanto meno se non vuoi implementarle sul sito è bene che sia collegato a delle schede su Bing Places, Google Maps o Business.

Pensare al tuo sito Web come un’attività tradizionale

 

Adoriamo pensare a una homepage come alla porta di ingresso della tua azienda. Tuttavia, non è sempre così. Mentre la tua homepage è importante, gli ingressi al tuo sito web possono provenire da molti luoghi o diverse pagine.

Pensa al tuo sito web come ad un negozio di auto con più ingressi. Gli utenti possono entrare attraverso un articolo di blog, una pagina dei servizi, una landing page o un altro percorso. Forse un utente ti ha trovato tramite i social media in cui qualcuno ha condiviso una pagina del sito web che non avresti mai pensato come ad un ingresso.

Strumenti come la navigazione intuitiva della UX, testi ben scritti e immagini accattivanti aiuteranno il tuo sito Web a riprogettare il viaggio iniziando con il piede giusto.

Conclusioni

 

Se questa lista di controllo ti ha dato su cui riflettere, non preoccuparti. Imprenditori e professionisti del marketing molto intelligenti, vengono catturati dall’entusiasmante prospettiva di riprogettare e saltare un sito Web prima di analizzare. Ricorda che non sei solo.

Questa è solo una mini guida e cercheremo di tenerla aggiornata. Adesso hai su cui pensare e agire.

Guida Inbound Marketing per PMI B2B B2C

Author avatar
Team di Improove
https://improove.it/
Il Team di Improove è composto da giornalisti, copywriter, digital strategist e marketing specialist.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza sempre migliore
Send this to a friend