Get In Touch
Milano - Pescara
Phone: +39 085 911 8991
Work Inquiries
candidature@impoorve.it
© 2021, Improove
P.iva 02507250690 REA CH-184123

Le 6D della Tech Disruption: guida all’economia digitale

“Le 6d sono una reazione a catena di progresso tecnologico, una road map di rapido sviluppo che porta sempre a enormi sconvolgimenti e opportunità.” –Peter Diamandis e Steven Kotler, Bold

Ma cosa sono esattamente le 6D? Digitized, Deceptive, Disruptive, Demonetized, Dematerialized, Democratized.

Viviamo in tempi incredibili. Le notizie fanno il giro del mondo in un istante. Musica, film, giochi, comunicazione e conoscenza sono sempre disponibili su dispositivi sempre connessi. Dalla biotecnologia all’intelligenza artificiale, potenti tecnologie che una volta erano disponibili solo per grandi organizzazioni e governi stanno diventando più accessibili e convenienti grazie alla digitalizzazione.

Il potenziale è per gli imprenditori di conquistare nuovi mercati e inverosimilmente per i colossi aziendali di estinguersi inaspettatamente, non è mai stato così grande.

Centocinquanta o anche vent’anni fa, Disruptive significava inventare un prodotto o un servizio di cui le persone avevano bisogno ma non sentito, quindi trovare un modo per produrlo con una qualità superiore e costi inferiori rispetto ai concorrenti. Ciò ha comportato l’assunzione di centinaia o migliaia di dipendenti, la disponibilità di un ampio spazio fisico in cui inserirli e l’attesa di anni o addirittura decenni prima che il duro lavoro venisse ripagato e i prodotti da realizzare.

“La tecnologia sta sconvolgendo i processi industriali tradizionali e non torneranno mai indietro”.

Ma grazie alle tecnologie digitali che si sviluppano a tassi di cambiamento esponenziali, il panorama del business del 21° secolo ha assunto un aspetto e un aspetto radicalmente diversi. La struttura delle organizzazioni sta cambiando. Invece di migliaia di dipendenti e grandi impianti fisici, le moderne start-up sono piccole organizzazioni focalizzate sulle tecnologie dell’informazione. Smaterializzano ciò che una volta era fisico e creano nuovi prodotti e flussi di entrate in mesi, a volte settimane. Non ci vuole più una grande azienda per avere un impatto enorme.

La tecnologia sta sconvolgendo i processi industriali tradizionali e non torneranno mai indietro. Questa disruption è piena di opportunità per gli imprenditori visionari.

Il segreto per avere un impatto positivo sulla vita di milioni di persone è comprendere e interiorizzare il ciclo di crescita delle tecnologie digitali. Questo ciclo di crescita si svolge in sei fasi chiave, che Peter Diamandis chiama le 6D degli esponenziali: digitalizzazione, inganno, disgregazione, demonetizzazione, smaterializzazione e democratizzazione.

tech disruption

Secondo Diamandis, cofondatore e presidente esecutivo della Singularity University e fondatore e presidente esecutivo di XPRIZE, quando qualcosa viene digitalizzato inizia a comportarsi come una tecnologia dell’informazione.

I prodotti appena digitalizzati si sviluppano a un ritmo esponenziale anziché lineare, ingannando inizialmente gli spettatori prima di andare a sconvolgere aziende e interi settori. Prima che tu te ne accorga, qualcosa che una volta era costoso e fisico è un’app che costa un dollaro.

Giornali e CD sono due ovvi esempi recenti. Le industrie dell’intrattenimento e dei media stanno ancora affrontando le conseguenze della digitalizzazione mentre tentano di trasformare e aggiornare le vecchie pratiche adattate a un’era passata. Ma non finirà con i media digitali. Man mano che una parte maggiore dell’economia viene digitalizzata, dalla medicina alla produzione, le industrie salteranno su una curva esponenziale e saranno ugualmente sconvolte.

Le 6D di Diamandis sono fondamentali per comprendere e pianificare questa Disruption.

Diamandis usa i destini contrastanti di Kodak e Instagram per illustrare il potere delle 6D e il pensiero esponenziale.

Kodak ha inventato la fotocamera digitale nel 1975, ma non ha investito molto nella nuova tecnologia, attenendosi invece a ciò che aveva sempre funzionato: fotocamere e pellicola tradizionali. Nel 1996, Kodak aveva una capitalizzazione di mercato di 28 miliardi di dollari con 95.000 dipendenti. Ma l’azienda non ha prestato sufficiente attenzione a come la digitalizzazione del suo core business lo stava cambiando; le persone non scattavano più foto nello stesso modo e per gli stessi motivi di prima.

Dopo una spirale discendente, Kodak è fallita nel 2012. Nello stesso anno Facebook ha acquisito Instagram, un’app per la condivisione di foto digitali, che all’epoca era una startup con 13 dipendenti. Il prezzo dell’acquisizione? $ 1 miliardo. E Instagram era stato fondato solo 18 mesi prima.

Il pezzo più ironico di questa storia è che Kodak ha inventato la fotocamera digitale; hanno fatto il primo passo verso la revisione dell’industria della fotografia e l’introduzione nell’era moderna, ma non erano disposti a interrompere la loro attività esistente correndo un rischio in quello che allora era un territorio inesplorato. Così lo hanno fatto altri invece.

Lo stesso può accadere con qualsiasi tecnologia che sta appena decollando. È facile smettere di perseguirlo nella prima parte della curva esponenziale, quando lo sviluppo sembra muoversi lentamente. Ma non riuscire a farlo dà solo a qualcun altro la possibilità di farlo.

Le 6D sono una road map che mostra cosa può accadere quando nasce una tecnologia esponenziale. Non tutte le fasi sono facili, ma i risultati danno anche ai piccoli team il potere di cambiare il mondo in un modo più veloce e più incisivo di quanto potrebbe mai fare il business tradizionale.

 

Author avatar
Vincenzo di Improove
https://improove.it/
Founder di Improove. Esperto in strategie di marketing digitale. Consulente Marketing Digitale | e-Commerce Manager | Digital Innovation

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend