Blog

Empatia nel Marketing!

 

Cos’è l’empatia nel marketing? Sei mai stato in una situazione in cui faticavi a essere capito? Se sì, probabilmente la tua risposta è stata quella di parlare ancora di più, provando a spiegarti ulteriormente. Diciamolo, non proprio l’approccio giusto. Se qualcuno non comprende ciò che stai cercando di comunicare, la prima cosa da fare è fermarsi ad ascoltare. Solo in questo modo si può capire perché il mio interlocutore non è sulla mia stessa linea d’onda e cosa si può fare per portarlo lì (Tratto da “Empathy made me a better leader and marketer. Here’s what it could do for your brand” di Think With Google).

Il marketing migliore non riguarda il marchio, riguarda il cliente

 

Questo processo di mettersi nei panni di qualcun altro e vedere le cose dal loro punto di vista è chiamato empatia, e potrebbe essere molto utile anche nel marketing della tua azienda. È il pezzo del puzzle che mancava al tuo business per completare il quadro.

Perché abbiamo bisogno di un marketing più empatico

 

Troppo spesso, siamo così presi dal messaggio che stiamo cercando di inviare che ci ritroviamo a guardare solo all’interno del nostro tunnel, dimenticando che ciò che più conta è ciò che si trova fuori, ossia i nostri clienti.

Ovviamente, tutto questo è molto più facile a dirsi che a farsi. È abbastanza difficile creare un bel contenuto che rifletta perfettamente il tuo marchio e soddisfi al tempo stesso i tuoi obiettivi di business. Aggiungere un terzo elemento da considerare – il tuo cliente – può complicare ulteriormente le cose. Ascolta i tuoi clienti e rispondi ai loro bisogni piuttosto che limitarti a parlare loro. Eccoti 3 suggerimenti per essere empatico con i tuoi clienti:

 

1. Trova i tuoi influencer interni e chiedi loro di rispondere a domande reali dei clienti

 

Gli influencer interni sono commessi, impiegati, camerieri e tutti coloro che sono a contatto diretto con tuoi clienti. Attraverso loro puoi ottenere domande, suggerimenti, consigli e intuizioni da parte loro. Ascoltali e come risultato avrai qualcosa che sembrerà meno marketing e più conversazione. In fondo, è così che si costruiscono le relazioni!

 

2. Comprendi ciò che conta per i tuoi clienti e mettilo al centro delle tue campagne

 

La pubblicità un tempo era solo desiderio di emulazione, oggi i consumatori vogliono meno Photoshop e più onestà. Le campagne sui profumi, con celebrità in paesaggi onirici, sono roba vecchia. Se provi a capire ciò che conta davvero per i tuoi clienti, ti accorgerai, ad esempio, che fiducia, amore, felicità e successo sono aspetti di importanza emotiva chiave per gli appassionati di bellezza. Prova a farti trovare con un annuncio pertinente e significativo, ad esempio, quando qualcuno del tuo pubblico cerca qualcosa come “Come si fa a costruire l’autostima?”

 

3. Attira i clienti con annunci che intrattengono

 

Gli annunci, i contenuti ed i messaggi che si avvertono troppo esplicitamente come puro marketing possono essere un’arma a doppio taglio. Se le persone ci stanno dando la loro attenzione e il loro tempo, si aspettano qualcosa in più di una semplice proposta di vendita. Fai sentire gli spettatori come se avessero scoperto qualcosa di valore piuttosto che l’ennesimo annuncio che parla loro per cercare di vendere qualcosa.

 

Il potere del marketing empatico

 

L’empatia nel marketing ha un potere molto grande. Quando rispondi al desiderio del tuo cliente di essere ascoltato e dunque sei empatico con lui, difficilmente vorrai tornare indietro. Se non sai come fare, chiedici consiglio qui.

 

 

 

Ti è piaciuto l’articolo?
[ratings id=”7519″]

1 Condivisioni
Condividi1
Condividi
Tweet
Pin