Get In Touch
Milano - Pescara
email:
Phone: +39
Work Inquiries
candidature@impoorve.it
Phone: +39
© 2020, Improove
P.iva 02507250690 REA CH-184123

Customer Loyalty: perché è così importante?

Customer Loyalty: perché è così importante?

Uno dei principali motivi sul perché la Customer Loyalty è importante, è che, i costi necessari per riuscire ad acquisire nuova clientela sono quasi raddoppiati negli anni, una base di clienti affezionati è infatti più importante che mai per riuscire a competere al meglio; questi clienti infatti agirebbero come veri e propri promotori del marchio gratuitamente.

La via da percorrere per fidelizzare i clienti passa da un elemento cruciale: la customer experience, le statistiche mostrano come sia infatti fondamentale offrire un customer service competitivo per riuscire stabilire una customer loyalty.

Customer Loyalty

#1 – I costi per acquisire nuovi clienti superano di 5 volte quelli per fare nurturing.

L’obbiettivo di molti imprenditori è nella maggior parte dei casi quello di riuscire ad attrarre nuovi clienti, molti non valutano a pieno l’opzione di fidelizzare quelli che già possiedono. Riuscire a mantenere e rendere più fedeli clienti che già si possiede, costa fino a 5 volte meno che acquisirne di nuovi, con un risultato a volte migliore.

Fonte: Invesp

#2 – I clienti fidelizzati spendono il 67% in più di quelli nuovi.

Uno studio ha dimostrato come il 67% dei clienti fedeli al brand è portato a spendere di più rispetto a clienti nuovi che, nella maggior parte dei casi tendono ad avere un approccio esplorativo verso un nuovo marchio, con cui devono ancora creare un rapporto di fiducia. I clienti fidelizzati, da parte loro, avendo già un legame di fiducia con un brand, sono stimolati a spendere di più.

Fonte: Thanx

#3 – Un aumento del 5% di clienti fidelizzati aumenterà i profitti del 25%-95%.

Le statistiche sulla fidelizzazione mostrano come, un aumento del 5% di clienti fedeli al marchio, possa corrispondere ad un miglioramento dei profitti fino al 95%; Inoltre, avere clienti fidelizzati aumenterà il passaparola, condividendo l’esperienza con amici e conoscenti si renderanno loro stessi promotori del marchio.

Fonte: Harvard Business School

#4 – Il 65% del business di un’azienda proviene da clienti fedeli.

Il Gruppo Gartner ha analizzato come l’80% delle entrate di una società arriva dal 20% dei clienti fedeli al marchio; queste statistiche sulla customer loyalty mostrano come mantenere i clienti che già posseduti sia un’operazione più importante che mai.

Fonte: Gartner Group

#5 – Il 40% delle vendite su siti di e-commerce provengono dall’8% dei clienti fedeli.

Le statistiche sulle vendite mostrano come gli store online registrano circa la metà dei loro profitti dall’8% dei clienti fedeli che visitano la loro pagina; questi clienti, che continueranno a tornare sul loro sito preferito, saranno portati a spendere di più rispetto al consumatore medio, stimolando il valore del marchio nel tempo.

Fonte: Adobe

Cosa cercano i clienti fedeli al marchio

#6 – L’80% dei clienti attribuisce la propria fedeltà al prodotto.

Le statistiche mostrano come il prodotto, rappresenta uno dei migliori driver per creare loyalty; e succede nel 77,8% dei casi. Quindi invece che dare il prodotto per consolidato, è sempre meglio cercare di farlo evolvere con l’obbiettivo di seguire le esigenze dei clienti, riuscendo così a mantenere un prodotto all’avanguardia.

Fonte: Yotpo

#7 – Se ci sarà una connessione emotiva, l’86% dei clienti dichiara di rimaner fedele al marchio.

Analizzando i dati sul customer service è facile capire come nel 67% dei casi, i clienti sarebbero disposti a cambiare tranquillamente “brand di fiducia” nel caso di un servizio non all’altezza; il cliente vuole infatti sentirsi apprezzando e creare una conversazione utile e chiara.

Una fetta, che copre l’85% delle persone intervistate, afferma che stabilire una connessione emotiva con l’operatore li indurrebbe a fidelizzarsi con un determinato marchio.

Fonte: Forbes

#8 – Creare un feedback multicanale nell’89% dei casi aumenterà la loyalty.

Ottimizzazione via mobile, premi innovativi e un eccellente customer service, sono solamente tre dei migliori elementi di tendenza per migliorare la loyalty. Riuscire a creare e ottimizzare un sistema multicanale è molto importante; uno studio da parte del Gruppo Aberdeen indica come, i marchi con un buon sistema multicanale riescono, nell’89% dei casi a fidelizzare e mantenere i clienti (contro il 33% dei marchi che non ottimizzano questa comunicazione).

Fonte: DigitalCommerce360

#9 – L’89% dei clienti sono fedeli a compagnie che condividono i loro stessi valori.

I marchi che condividono gli stessi valori con i propri clienti hanno maggiori possibilità di ottenerli come clienti abituali; circa 9 su 10 infatti, hanno dichiarato di essere fedeli a marchi che condividono i loro stessi valori.

È inoltre importante sottolineare come il 77% dei clienti apprezza quando vengono valorizzati: nel momento in cui la compagnia ascolta i consigli fornendo loro un feedback, non si sta solo aprendo a nuove idee ma indirettamente crea una brand loyalty molto forte.

Fonte: Wantedness & Microsoft

#10 – Nel 50% dei casi cattivi servizi e bassa qualità del prodotto sono responsabili della perdita di clienti fidati.

Non c’è nulla che i clienti amano più di un prodotto di ottima qualità ed un eccellente servizio; non sorprende come la maggior parte dei clienti (58%) detesti pagare per un prodotto di bassa qualità o per ricevere un servizio scadente (51%).

Inoltre, statistiche sulla customer loyalty mostrano come il 28% di loro non sopporti corruzione interna, il 26% odia annunci ridondanti e fastidiosi e il 26% non apprezzi le modifiche di prezzo.

Fonte: GMA

Statistiche su Loyalty Program

#11 – Se particolarmente legati, il 59,5% dei clienti, aderirebbe ad un programma di loyalty.

Circa il 60% dei clienti già fidelizzati, prenderebbe facilmente parte ad un programma di loyalty del brand; difatti, per mantenere una buona base di clienti fidati, è molto importante renderli parte di una community, ciò rende necessario investire nella creazione di un programma di loyalty unico.

Fonte: Yotpo

#12 – Il 37% degli intervistati, sarebbe disposto a pagare un prezzo per far parte del programma.

Analizzando le statistiche sulla customer loyalty, è facile notare come il 27% dei clienti sarebbero disponibili a pagare un “extra” anche solo per entrare in un programma loyalty, per ricevere un extra-value da parte del brand.

Questi dati rappresentano una grande opportunità di business, e l’opzione più popolare è la fidelizzazione a più livelli: questo programma garantirebbe la possibilità di entrate extra da parte di clienti che già amano il brand, in più migliorerebbero la loyalty dei clienti stessi.

Fonte: HubSpot

#13 – Il 50% dei clienti, facenti parte di un programma loyalty, si aspettano compensi.

I clienti che amano il brand si aspettano più che semplici sconti; basandosi sulle statistiche di Yotpo sulla customer loyalty, analizzando una base di due mila persone, il 28,7% dei clienti vorrebbe ricompense migliori e il 45,8% desidererebbe dei “regali” per la loro loyalty.

Inoltre, i clienti che fanno parte del programma loyalty, vogliono essere trattati come VIP; più specificamente, il 26,4% vorrebbe accesso anticipato alle vendite e il 31,8% vorrebbe anticipazioni su prodotti.

Fonte: Yotpo

#14 – Il 70% dei clienti è più propenso a raccomandare un brand con un programma di loyalty.

I programmi di loyalty fanno sentire i clienti parte di una community; far parte di questa community li fa godere di vantaggi esclusivi, che li porta a condividere le proprie esperienze di brand con altre persone. Le statistiche mostrano come il 70% dei clienti fedeli, sono portati a raccomandare un brand con un solido e definito programma di loyalty.

Fonte: HubSpot

#15 – Il 44% degli intervistati si ritiene soddisfatto del programma di loyalty.

Le ultime statistiche raccolte da Bond indicano come il 44% dei membri (dati in calo dal 47% del 2018) si ritengono soddisfatti con il programma di loyalty; questo calo può essere analizzato in seguito all’aumento delle aspettative, che rendono più difficile per i marchi mantenere il passo.

Fonte: Bond

#16 – Un alto livello di personalizzazione aumenta la soddisfazione nel programma loyalty.

La personalizzazione è uno dei fattori che impatta maggiormente sulla customer loyalty e rappresenta una parte integrante dei programmi stessi.

I business che sviluppano esperienze personalizzate infatti, registrano un aumento del 6,4% nella soddisfazione dei clienti con i programmi loyalty, inoltre, i membri risultano 6 volte più stimolati a pronunciarsi bene verso i brand con una buona personalizzazione, e 3,5 volte più stimolati a spendere più tempo come fidelizzati ad un brand.

Fonte: Bond

#17 – Il 53% dei membri sono interessati nelle “meccaniche di gioco”.

Il processo di “gamification” rappresenta un potente mezzo per creare engagement e divertimento: sistema a livelli, riconoscimenti status, sfide, raggiungimento risultati, missioni da completare, sono solamente alcuni esempi di elementi che aiutano un brand a migliorare la loyalty.

I dati mostrano come più della metà dei membri sono interessati in questo tipo di meccaniche, l’81% di loro interagisce con meccaniche di gioco, se presenti, e gli utilizzatori apprezzano il gioco di più quando queste meccaniche vengono inserite.

Fonte: Bond

#18 – Il 72% dei membri di programmi loyalty sono donne.

Un importante dato da considerare quando si cercare di delineare una strategia di loyalty: le donne coprono il 72% dei membri di programmi loyalty, comparato con il restante 28% di uomini. Altre statistiche ci mostrano come il 73% delle donne hanno bambini, il 75% sono nati negli anni 80 e il 78% di loro è benestante.

Fonte: Bond

#19 – Il 67% dei millennials e il 62% della Gen Z sono influenzati da programmi loyalty.

Millennials e Generazione Z sono altamente influenzati da programmi di loyalty e sono nel 20% dei casi, più stimolati nel condividere le proprie informazioni quando si iscrivono a programmi di loyalty.

Fonte: Bond

Statistiche di Brand Loyalty

#20 – Samsung gode della fedeltà dell’86% dei suoi utenti.

Samsung è il brand con la maggior percentuale di clienti soddisfatti; l’86% degli utilizzatori di questo brand infatti, afferma di voler restare legato alla compagnia nel futuro e l’87% afferma di essere completamente soddisfatto dal marchio.

fonte: SellCell, Marketing Charts

#21 – Apple ha il più grande gruppo di affezionati.

Analizzando gli ultimi dati registrati da SellCell, si può analizzare come il 90,5% degli utilizzatori di iPhone ha intenzione di rimanere fedeli ad Apple con l’arrivo dei nuovi device. Lo stesso sondaggio mostra come, mentre il 21% degli utilizzatori potrebbe scegliere di cambiare marchio, la restante percentuale invece è troppo legata all’ecosistema Apple, e cambiare sistema operativo da iOS ad Android rappresenterebbe una seccatura.

fonte: SellCell

#22 – Amazon rimane il numero uno per brand loyalty in America, per il terzo anno consecutivo.

Amazon è apparso tre volte su Marketing Charts, viene indicato come primo posizionato per performance nei rivenditori online, quarto per la categoria tablet e quinto per qualità ed eccellenza degli streaming video online.

fonte: Marketing Charts

#23 – Statistiche di customer loyalty di Amazon mostrano come il 95% dei membri Prime rinnoverà “sicuramente” o “probabilmente” la propria iscrizione al servizio.

Il servizio Amazon Prime registra un ottimo livello di soddisfazione, la maggior parte dei suoi membri infatti (76%) rinnoverebbe sicuramente il proprio abbonamento, e il 19% ha alte probabilità di farlo.

fonte: Marketing Land

#24 – I clienti abituali di Starbucks spendono circa 3 volte più dei non abituali.

Le statistiche sulla customer loyalty di Starbucks mostrano come tipicamente i clienti consumano da loro circa 6 volte al mese, mentre gli abituali fino a 16 volte (circa tre volte in più dei clienti standard).

Per far sì che ciò succedesse Starbucks ha lavorato molto sul proprio programma di loyalty, facendolo diventare uno dei migliori.

fonte: The Fact Site

Conclusione

Queste statistiche sulla customer loyalty mostrano dei risultati importanti, è sempre meglio investire nei clienti che già hanno avuto a che fare con noi, piuttosto che cercare di ingrandire la base, cercandone di nuovi.

Il segreto per rendere i clienti felici e garantirgli un miglior servizio per quanto riguarda la customer experience, ma prima di ciò, è sempre importante stare al passo con le mutevoli esigenze dei consumatori, investendo in tecnologie che impediranno ai clienti fidati di abbandonare il tuo marchio.

lead generation guida inbound marketing b2b b2c per aziende

Author avatar
Team di Improove
https://improove.it/
Il Team di Improove è composto da giornalisti, copywriter, digital strategist e marketing specialist.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend