Get In Touch
Milano - Pescara
email:
Phone: +39
Work Inquiries
candidature@impoorve.it
Phone: +39
© 2020, Improove
P.iva 02507250690 REA CH-184123

Content Marketing & Co-Branding: Come usarli al meglio per PMI


Content Marketing Co-Branding

 

Che cos’è il co-branding?

Il co-branding è una strategia di marketing in cui due o più nomi di brand (o aziende) formano una collaborazione di branding su un prodotto, servizio o argomento. Unendo la forza del mercato e la consapevolezza del marchio di due o più aziende, il co-branding spesso migliora le basi dei clienti, la fedeltà di quelli esistenti, l’immagine del marchio e il valore percepito per tutti i partecipanti.

Co-Branding Esempi

 

Content is The king

Il segreto è svelato. Il contenuto è re. Tutti stanno creando contenuti. Ormai comincia a saturarsi di contenuti la rete, e serve sempre più qualità. In effetti, secondo recenti sondaggi, ci sono oltre 500+ milioni di blog nel mondo su 1,7+ miliardi di siti Web. Ogni giorno vengono pubblicati oltre due milioni di post sul blog. Secondo LinkedIn , ogni giorno vengono aggiunti oltre due milioni di post, articoli e video nella piattaforma di social media.

Tuttavia, la creazione di contenuti è ancora una priorità assoluta per la maggior parte delle aziende B2C e B2B. Infatti, nello studio ad alta crescita del 2020 dell’Hinge Research Institute sulle imprese di servizi professionali, la creazione di contenuti è la priorità assoluta.

Content Marketing & Co-Branding

Molte aziende, associazioni e altre organizzazioni devono investire più denaro e tempo per creare contenuti per ottenere risultati più o meno oscillanti. La maggior parte non riesce a decifrare i trend e gli aspetti più tecnici della strategia, quindi basta investire più tempo a creare più contenuti, sperando che venga data visibilità al ​​loro marchio, i social media, le competenze visibili e gli obiettivi della loro pipeline.

Come vanno i tuoi contenuti? Un numero sufficiente di persone lo legge per dar valore a cio che viene creato? Stai ricevendo qualche lead generato dai contenuti? Anche se i tuoi contenuti sono fantastici e avvincenti, ti sfiderei a spingerli oltre. I lettori sono sopraffatti e persino il miglior contenuto a volte viene trascurato. È qui che il co-branding, può lanciare i tuoi contenuti a nuovi lettori e livelli di coinvolgimento.

Uno degli esempi più memorabili che ci viene in mente è il “Progetto Stratos” con il paracadutista Felix Baumgartner. Il 14 ottobre 2012, da Roswell, nel New Mexico, Baumgartner è salito su un pallone stratosferico di elio a 24 miglia di altezza in aria al limite dello spazio. Quindi saltò dalla piattaforma del pallone alla Terra in una caduta supersonica.

Ne abbiamo parlato anche qui, 👉 nell’articolo del marketing esperienziale.

Marketing Esperienziale Co-Branding Red Bull

Il progetto è stata una partecipazione in co-branding tra Red Bull e GoPro. Il team del progetto è stato in grado di raccogliere molte informazioni scientifiche e Baumgartner è diventato il primo essere umano a rompere la barriera del suono senza potenza del motore. Si è paracadutato in modo sicuro a terra.

Milioni di persone in tutto il mondo hanno assistito a questo evento. Ci sono stati oltre tre milioni di tweet che hanno discusso di questo evento. Sono stati scritti centinaia di articoli. Red Bull e GoPro hanno raccolto migliaia di follower sui social media.

Ma ecco la parte davvero importante. Mentre la maggior parte lo vedrebbe come una brillante campagna pubblicitaria o di pubbliche relazioni, Red Bull e GoPro lo vedevano come una missione scientifica che erano disposti a sponsorizzare.

Approvazione pubblica concordata con loro. La maggior parte ha ritenuto che l’evento fosse basato sui dati e ha apprezzato il fatto che Red Bull e GoPro fossero disposti a investire nel miglioramento della società, e questo ha guidato gran parte del contenuto.

La maggior parte non ha ritenuto che si trattasse di vendite. Alla fine, secondo la società di ricerca IRI, le vendite di Red Bull sono aumentate del 7% a $ 1,6 miliardi negli Stati Uniti.

Co-branding, Lancio e Ricerca

Quindi, dove si adatta la ricerca? Per gli esperti di marketing B2B, la ricerca è un elemento di differenziazione che può separare i tuoi contenuti dai travolgenti contenuti positivi e negativi di cui abbiamo parlato in precedenza. Come la campagna Stratos, il co-branding con la ricerca si basa sui dati e non si presenta come un passo di vendita. In effetti, spesso influenza o convalida il modo in cui gli acquirenti pensano e aiuta ad accelerare il ciclo di vendita.

Inizia a pensare alla ricerca in modo diverso

Quando la maggior parte di noi pensa a commissionare la ricerca, riteniamo di dover conoscere i nostri concorrenti, aiutarci a valutare la percezione e la consapevolezza e sviluppare differenziatori e messaggistica. Questi sono tutti ottimi modi per usare la ricerca. Ma pochi di noi pensano di utilizzare la ricerca in una varietà di formati per supportare una strategia di marketing dei contenuti e migliorare il coinvolgimento degli acquirenti.

5 modi per far risaltare i tuoi contenuti con il co-branding

Sponsorizza la ricerca originale:

trova un argomento del settore in cui la ricerca può essere rivista e aggiornata su base annuale o regolare.

Questo argomento può riguardare gli stipendi, le priorità del settore, le tendenze emergenti, ecc. Una volta pubblicata questa ricerca di base, è possibile riutilizzare gli approfondimenti in blog, articoli, post sui social media e altro.

Con il co-branding con un’azienda di ricerca rispettata, la tua leadership di pensiero sarà migliorata e potrai penetrare in aspetti di un settore per cui potresti non essere stato riconosciuto in precedenza.

Ad esempio, potresti essere una società di contabilità che vuole costruire i suoi servizi di consulenza in modo da trovare una ricerca sulle tendenze emergenti nei servizi di consulenza. Sarai sorpreso di come gli acquirenti guarderanno la tua azienda in modo diverso.

Coinvolgere gli analisti di ricerca nei webinar:

un altro modo per fare co-branding con la ricerca è sponsorizzare un webinar e fare in modo che un analista di ricerca sia il relatore principale o almeno un gruppo di relatori. Ancora una volta, viene impostato un tono in cui non si tratta di un processo di vendita, ma di una conversazione educativa.

Questo webinar è un ottimo modo per estendere la portata della ricerca commissionata nel suggerimento n. 1. Molte persone vogliono imparare e sono disposte a rinunciare a un’ora di tempo se riescono a migliorare con uno o due consigli attuabili.

Sponsorizzare un evento live locale:

è un ottimo modo per fare co-branding con la ricerca. Mentre e-mail e webinar sono efficaci, raggiungerai un pubblico con eventi dal vivo che non farai con altri canali.

Se la tua messaggistica è convincente e hai buoni oratori, alcune persone preferirebbero uscire e incontrarsi faccia a faccia, porre domande, approfondire.

Se si collabora a un evento con una società di ricerca affermata, si dovrebbe essere in grado di sfruttare il database di tale società e il personale di marketing per contribuire a promuovere l’evento e garantire le registrazioni.

Ancora una volta, la ricerca si rivolge a un pubblico target che non risponderà ai tradizionali messaggi di marketing. Sfrutta il più possibile il marchio e la reputazione dell’azienda di ricerca per aiutarti ad aumentare il tuo database e il tuo successo.

Licenza esistente Ricerca:

vuoi trarre vantaggio dal co-branding con la ricerca, ma forse non hai il tempo o il budget per la ricerca originale. Molte aziende di ricerca hanno programmi in cui è possibile concedere in licenza alcune delle loro ricerche chiave del settore per un anno.

Con alcuni di questi programmi, è possibile distribuire la ricerca tramite e-mail, social media, fiere / conferenze, siti Web, diffusione di contenuti e altro ancora. È un modo rapido ed efficace per garantire che la tua campagna si distingua e la tua azienda o impresa sia associata a un determinato argomento.

Sponsorizzare un rapporto di ricerca esistente:

Per molti, il modo migliore per fare co-branding con la ricerca è sponsorizzare un rapporto di ricerca esistente.

Questo approccio è meno costoso della ricerca originale e in genere il report viene prodotto su base annuale o regolare e ha una base di follower o abbonati. Con questo tipo di sponsorizzazione, una società o un’azienda ha normalmente il suo logo sulla copertina insieme ai loghi di qualsiasi altro sponsor e al logo della società di ricerca.

A volte gli sponsor possono fornire una o due domande per il processo di sondaggio / colloquio che possono fornire approfondimenti specifici per loro.

Ancora una volta, poiché il report viene prodotto annualmente o con cadenza regolare, il report ha una buona durata in termini di vitalità, e il contenuto può essere riproposto o riconfezionato in molti modi diversi. Ciò certamente migliora il marchio e gli sforzi di lead generation.

Il contenuto può essere re, ma vorremmo sottolineare che i dati e la ricerca sono la guardia reale che assicura che il contenuto rimanga re.

Non vediamo molti marketer B2B usare la ricerca in questo momento per favorire la visibilità e il coinvolgimento dei contenuti. Ciò dovrebbe farne una forte considerazione mentre pianifichi quanti sforzi, tu e il tuo team farete nella creazione di contenuti quest’anno.

Fallo risaltare. Rendilo avvincente. Rendilo utile.

Guida Inbound Marketing per PMI B2B B2C

Author avatar
Team di Improove
https://improove.it/
Il Team di Improove è composto da giornalisti, copywriter, digital strategist e marketing specialist.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza sempre migliore
Send this to a friend