Blog

3 cose che guidano i consumatori ossessionati dalla ricerca su Google.

 

Sei un frequentatore abituale di ristoranti? Ossessionato dal ristorante perfetto? O magari ne conosci qualcuno? Sai cosa intendiamo? Hai una cena di amici in arrivo e dopo aver discusso sulla location, stabilito un orario e tipo di cucina siete tutti d’accordo (o forse no) su un ristorante e fate una prenotazione. Nonostante ciò, molti di voi, non saranno d’accordo sulla scelta.

Secondo una ricerca google, sembra esserci una persona in ogni gruppo che va sul sito web del ristorante e passa il menù “al setaccio“. Guarda e legge più siti di recensioni, feedback dai social e naviga per cercare tutte le informazioni disponibili. Forse sta solo cercando il processo di prenotazione. Forse vuole vedere i prezzi. Forse vuole vedere le foto del cibo o quale piatto è considerato la specialità della casa o magari vuole essere utile, creando la migliore esperienza possibile per tutti gli altri.

Non solo vuole essere preparato, ma trova la preparazione emotivamente gratificante!

Oggi le persone possono ottimizzare le loro vite con la ricerca. Che si tratti di una vacanza o di una cena fuori, le persone curano le loro ricerche prima di iniziare la loro esperienza. Li aiuta ad essere eccitati, li fa sentire più sicuri, meno ansiosi e li fa sentire come se stessero ottenendo il massimo da ogni momento.

I consumatori usano la ricerca per ottimizzare le loro vite. Li fa sentire più sicuri e meno ansiosi.

 

Google sa che siamo “ossessionati” dalla ricerca, anche quando parliamo con le persone, cerchiamo tendenze che ci aiutino a capire cosa stanno facendo e perché lo fanno, al fine di aiutarle meglio o magari per curiosità Dalla loro ricerca, hanno identificato tre motivi per cui le persone sono così intente a raccogliere informazioni prima di partire o di effettuare una qualsiasi azione che li porti a compiere un’esperienza.

1.Li aiuta ad essere euforici

 

“Quanto prima saprò cosa mangerò, tanto meglio sarà”, ci siamo sentiti dire. “Aiuta la mia esperienza culinaria e mi rende euforico”.

Per i consumatori curiosi, emozionarsi spesso significa avere un’anteprima di ciò che verrà. Nei mesi, nei giorni o nei momenti che portano a un’esperienza, molti sono alla ricerca di un’anteprima. Ad esempio, quando si pianifica una cena fuori, le persone cercano la “cosa migliore da mangiare in un ristorante” o per trovare un “ristorante con buoni dessert”. Invece, quando si pianifica una vacanza, vogliono trovare e comprendere l’esperienza prima di prenderne parte, alla ricerca di “cose ​​da fare a Maui” o “recensioni del treno a Fantasyland”.

In altre parole, il processo di ricerca diventa una “parte dell’esperienza stessa”, contribuendo a costruire l’attesa prima ancora di mettere piede fuori dalla porta.

2.Li aiuta a sentirsi più sicuri

 

“A nessuno piace sentirsi perso. Crea solo ansia “, ci ha raccontato una persona.

Il tempo e il denaro che le persone dedicano al loro divertimento, è raro e prezioso. Vogliono ottenere il massimo dal loro viaggio, dalla loro cena o che si tratti semplicemente di un caffè in un locale. Elaborare i dettagli in anticipo – prezzi, mappe, orari – riduce l’ansia e consente alle persone più tempo per divertirsi una volta arrivati. “Cercare le informazioni in anticipo aiuta davvero a risparmiare tempo e si è molto più sicuri quando si andrà in un luogo particolare, sapendo dove, esattamente, stai andando”. “Ci aiuta a ottimizzare il  tempo il più possibile.”

Questo è probabilmente uno dei motivi per cui le ricerche su dispositivi mobili per i “tempi di attesa” sono cresciuti di oltre il 120% negli ultimi due anni. (Fonte: Google Trends, USA, giugno 2015 e giugno 2017) 

Possiamo anche vedere che le persone cercano di calcolare i costi o risparmiare denaro in anticipo. Le persone sono alla ricerca di informazioni relative a ciò che stanno spendendo, da “Quanto costa il dollaro in Messico” a “Costi di vita in Italia”, così evitano grandi sorprese!

“Alle persone piace sapere fino all’ultimo centesimo in cosa stanno spendendo. Non lo fanno perché è a buon mercato, vogliono essere preparati sull’esperienza che si accingono a fare, quindi non si preoccupano di restare senza soldi”.

3.Li aiuta a creare la migliore esperienza

 

“Si sentono come se avessero bisogno di cercare in modo da non perdere nulla di grande, e così possano trovare quelle gemme nascoste che rendono speciale un viaggio”, ci ha detto una persona.

In definitiva, tutta questa ricerca ha lo scopo di creare la migliore esperienza possibile. Le persone vogliono spremere fino all’ultima goccia di bontà, assicurandosi che non perdano nulla lungo la strada. I consumatori sentono la pressione del fare ricerche, altrimenti si sentiranno in colpa se hanno un’esperienza negativa che credono possa essere evitata. Questo è dove troviamo il nostro amico ossessionato dal menu. “Sapevo che tutto sarebbe andato bene, ma volevo davvero provare il meglio del meglio”, ci ha detto un’altra persona. “Mi piace vedere che cosa” o “che dovrei ordinare”. Lo vediamo anche nei nostri dati di ricerca, poiché le ricerche su dispositivi mobili per “menu” sono cresciute di oltre il 55% negli ultimi due anni.

Una persona lo ha ridimensionato a una semplice, potente affermazione: “Volevo fare ricerche per non avere rimpianti“.

Cosa dovrebbero sapere gli operatori di marketing

 

Per i marketer, capire i diversi momenti e i diversi bisogni, mentre stanno pianificando un’esperienza per l’utente, rappresenta una grande opportunità per entrare a far parte della loro considerazione fin dall’inizio nel loro processo decisionale.

  • Offri modi per organizzare facilmente le loro esperienze in modo che le persone si sentano sicure – e non sopraffatte – dalle decisioni che prendono. Ad esempio, offrire uno strumento di pianificazione del viaggio, liste dei desideri o articoli popolari, può aiutare a mettere le persone a proprio agio.
  • Rendi semplice, veloce e facile da pianificare le loro giornate, risparmiare tempo o pianificare un budget. Ad esempio, scopri come far sapere alle persone cosa è importante per loro: spiaggia, isola, classico o moderno, budget o lusso, quindi suggerire le corrispondenze che soddisfano tali esigenze.

Se puoi giocare con i bisogni della persona ossessionata dalla ricerca, puoi essere d’aiuto in un modo che li entusiasmi, allevia la loro ansia e li trascina nella tua esperienza in modo che non ne scelgano un’altra.

 

Ti è piaciuto l’articolo?
[ratings id=”7541″]

3 Condivisioni
Condividi3
Condividi
Tweet
Pin