Inbound Marketing: statistiche ad alto ROI per aziende


Il metodo Inbound Marketing ha completamente ribaltato il marketing convenzionale incentrato sulla spinta continua del prodotto sul cliente. Queste statistiche di marketing in entrata, aggiornate per il 2020, mostrano come le strategie digitali come SEO, blog e social media marketing siano più adatte alla mentalità del consumatore moderno.

Sottolineano inoltre un continuo aumento, della predominante metodologia Inbound Marketing, con alcune strategie che diventano più rilevanti a causa dei progressi tecnologici.

Sotto le varie fasi Inbound…

Inbound Marketing metodologia e strategia digitale per Aziende e PMI

Quindi, continua a leggere per alcune importanti statistiche del metodo Inbound Marketing, insieme alle informazioni sulla sua efficacia e su come si confronta con il marketing in uscita. Abbiamo anche coperto i canali più comuni di marketing in entrata.

 

Statistiche Inbound Marketing

 

  • Inbound Marketing è l’approccio di marketing primario per il 74% degli esperti di marketing di tutto il mondo.
  • Il 32% degli esperti di marketing in uscita (outbound) ritiene che le strategie di marketing in uscita siano sopravvalutate.
  • Il content marketing si classifica come la strategia di Inbound Marketing più efficace.
  • I lead in entrata costano in media il 61% in meno rispetto ai lead in uscita.
  • Il marketing in entrata può essere 10 volte più efficace per la conversione di lead rispetto all’outbound.
  • I risultati di ricerca organici possono generare lead 5,66 volte meglio degli annunci di ricerca a pagamento.

 

Statistiche generali su Inbound Marketing

 

1. Inbound Marketing è l’approccio primario al marketing per il 74% degli esperti di marketing di tutto il mondo

 

La stragrande maggioranza degli esperti di marketing a livello globale preferisce il marketing in entrata (inbound Marketing) rispetto a qualsiasi altro mezzo. Il dato è ancora più alto per il Nord America al 79%. Mentre America Latina, EMEA, Australia e Nuova Zelanda vedono una preferenza per il marketing inbound tra il 75% e il 76% dei marketer, la cifra è la più bassa del Sud-est asiatico al 64%.

(HubSpot)

2. Il 41% dei marketer nordamericani considera sopravvalutate le tradizionali tattiche di marketing in uscita

 

Questa statistica di marketing inbound vs outbound evidenzia ulteriormente la relativa fiducia che l’industria ha nel Inbound Marketing. Mentre le cifre sono leggermente inferiori in alcune altre aree geografiche, i marketer di tutto il mondo sono coerenti nel valutare la pubblicità tradizionale a pagamento come la strategia di marketing più sopravvalutata. Circa il 32% di tutte le agenzie di marketing, ritengono inoltre che le stesse strategie di marketing in uscita siano sopravvalutate.

Lettura Consigliata: Inbound Marketing, un nuovo approccio.

(HubSpot)

3. Il 61% dei marketer cita la crescente presenza organica come obiettivo principale del marketing in entrata

 

Ciò dimostra che la SEO rimane una strategia di marketing in entrata molto importante per le aziende. La creazione di contenuti di blog è la seconda priorità più citata, nominata dal 55% degli esperti di marketing. Altre priorità principali, secondo l’ultimo rapporto sullo stato del marketing in entrata, comprendono marketing automation (50%), la distribuzione / amplificazione dei contenuti (47%), la creazione di contenuti interattivi (36%) e la creazione di contenuti longform / visual (35%).

(HubSpot)

4. Il marketing dei contenuti è considerato la strategia di marketing in entrata più efficace per il 20% degli esperti di marketing di tutto il mondo

 

È anche interessante notare quanto siano diverse le opinioni dei professionisti del marketing. Non esiste una tattica infallibile per eccellere nel marketing inbound e qualsiasi metodo richiede un’attenta valutazione. Altre strategie chiave, secondo queste statistiche sull’efficacia del marketing in entrata, sono AI e machine learning, big data, social media, automazione del marketing, marketing mobile, CRO, SEO e così via.

(Statista)

5. La conversione dei Lead è il principale obiettivo di marketing per i marketer / aziende B2B nel 2020

 

La conversione dei lead, come dimostrano più punti dati, è meglio raggiunta oggi attraverso strategie di marketing in entrata, così come il prossimo obiettivo più importante di aumentare i lead di vendita. Strategie come l’uso dei social media e SEO diventano anche più comuni, il che aiuta anche a sensibilizzare il brand, a produrre una leadership di pensiero e ad aumentare il traffico del sito Web, altro obiettivo importante, secondo le statistiche di marketing inbound B2B.

(Sagefrog)

6. La generazione di lead aiuta le aziende a generare il 50% in più di lead pronti per le vendite a costi inferiori del 33%

 

Uno dei vantaggi del inbound marketing è che aiuta a coltivare lead su più canali. Le statistiche sulla generazione dei lead mostrano che i lead non sono generalmente immediatamente pronti a impegnarsi per un acquisto quando generati; gli esperti di marketing possono utilizzare diversi canali per fornire ai lead le informazioni richieste e spingerli gradualmente verso una vendita. Il nurturing del funnel ha molti altri vantaggi, tra cui un valore degli ordini di quasi il 50% più elevato rispetto ai lead non informati/formati.

(InvespCRO)

7. Le statistiche del marketing in entrata per il 2020 mostrano che le aziende che sfruttano l’intelligenza artificiale (AI) per le conoscenze dei clienti potrebbero guadagnare $ 1,2 trilioni in più rispetto a quelle che non lo fanno

 

L’uso dell’intelligenza artificiale nel marketing è una delle tendenze da tenere d’occhio nel 2020. Sia che venga utilizzato per rendere i chatbot più conversazionali o automatizzare le attività, l’IA sarà uno dei fattori chiave che distinguono i leader del marketing dai ritardatari. Un’altra area importante in cui l’IA ha già avuto un impatto è il modo in cui le aziende traggono spunti dai clienti che visitano e interagiscono con i loro siti, app, ecc.

(Emarsys)

8. L’82% dei consumatori ritiene di seguire una raccomandazione formulata da un micro-influencer

 

Una delle tendenze di inbound marketing più importanti che è destinata a continuare nel 2020 è il ruolo che i micro-influencer– individui con dai 1.000 ai 100.000 follower sui social media – svolgono nel generare contatti e guidare conversioni. Questa tendenza è ulteriormente evidenziata dalla crescente popolarità delle piattaforme di marketing degli influencer. A ciò si collega l’importanza dei contenuti generati dagli utenti, di cui gli utenti di Internet si fidano del 50% in più rispetto ai media tradizionali.

(Adweek)

9. Il 50% di tutte le ricerche sarà basato sul vocale entro il 2020

 

Con il 2020 già iniziato, ci sono sufficienti indicazioni che questa affermazione potrebbe rivelarsi vera. Le implicazioni per la metodologia Inbound Marketing sono che i siti Web e i contenuti dei blog devono essere resi amichevoli nella ricerca vocale attraverso l’uso del linguaggio umano naturale.

(Comscore)

lead generation guida inbound marketing b2b b2c per aziende

 

Statistiche sul ROI del Inbound marketing

 

10. Il 53% degli esperti di marketing afferma che “Inbound Marketing” offre alla propria organizzazione un ROI più elevato

 

Solo il 16% afferma che il marketing in uscita aumenta il ROI, mentre altri non calcolano il ROI o non sono abbastanza informati per rispondere alla domanda. La grande differenza tra il ROI del Inbound Marketing e Outbound è una ragione sufficiente per concentrarsi maggiormente sul primo. Detto questo, ci sono più canali di marketing in entrata e gli esperti di marketing devono identificare quello che funziona meglio per loro.

(HubSpot)

11. I lead in entrata costano in media il 61% in meno rispetto ai lead in uscita (fatti con outbound)

 

Nell’era digitale, la natura a basso costo di strategie come il marketing di contenuti e social media è responsabile dell’alta efficacia del marketing in entrata rispetto a molti metodi convenzionali. Un ROI più elevato per il marketing in entrata è il risultato di più lead generati per la stessa quantità di denaro. Un’altra ricerca mostra che le aziende che si affidano principalmente al Inbound Marketing risparmiano più di € 12,50 per cliente appena acquisito.

(IMPACT)

12. Inbound Marketing eseguito correttamente è 10 volte più efficace per la conversione di lead rispetto a quello in uscita

 

Tra gli altri vantaggi, il marketing in entrata ti consente anche di raggiungere meglio il tuo pubblico di destinazione. Inoltre, il comportamento del pubblico in entrata può essere analizzato meglio, il che consente di adattare le proprie strategie. Inoltre, molti degli strumenti utilizzati nel Inbound Marketing, possono rimanere rilevanti per un lungo periodo, il che consente un elevato tasso di conversione.

(IMPACT)

13. Solo il 18% dei marketer ritiene che l’Outbound genera lead di alta qualità

 

Rispetto al 60% per le pratiche in entrata. Il marketing in entrata non solo ti offre più lead a basso costo, ma è anche più probabile che spenda di più quando viene convertito poiché viene da te di sua spontanea volontà, cercando di soddisfare un’esigenza attraverso il tuo prodotto o servizio.

(HubSpot)

14. I lead in entrata generati da SEO hanno un tasso di chiusura del 14,6%

 

In confronto, i tassi di conversione delle vendite in uscita si aggirano intorno all’1,7%. I professionisti delle vendite e del marketing conoscono l’impatto di questi dati su una campagna. Il motivo principale della conversione molto migliore osservata nel Inbound Marketing è che i lead qui vengono attivati ​​dai potenziali clienti stessi quando visitano un sito Web o effettuano una chiamata.

(The Smarketers)

15. Il 70% delle persone preferirebbe conoscere un’azienda attraverso i contenuti piuttosto che attraverso la pubblicità

 

Un altro motivo per cui il marketing in entrata funziona meglio è che può aiutare a fornire ai consumatori informazioni che sono più pertinenti di quelle che ottengono attraverso gli annunci tipici. Le statistiche del marketing digitale mostrano che gli annunci tradizionali sono spesso considerati invadenti, mentre alcune forme di marketing in entrata consentono ai consumatori di interagire con un’azienda nel proprio tempo.

(Content Marketing Institute)

16. Il 75% dei team di marketing in entrata giudica efficace la strategia di marketing della propria organizzazione, rispetto al 62% dei team di marketing in uscita

 

Questi risultati indicano una maggiore fiducia dei membri del team di marketing nelle loro strategie. I più alti tassi di soddisfazione dei team di marketing in entrata, evidenziati da più statistiche di marketing in entrata, sono logici dato che lo stesso livello di sforzo e investimento li guadagna di più e conduce a una migliore qualità.

(HubSpot)

17. Le campagne omnicanale registrano tassi di fidelizzazione dei clienti più alti del 90% rispetto alle campagne a canale singolo

 

Il marketing in entrata è costituito da una vasta gamma di canali, spesso, più di uno utilizzato dai professionisti del marketing e dalle aziende. I dati mostrano che i clienti preferiscono che le aziende siano coerenti nella loro messaggistica su tutti i canali che utilizzano, con tali campagne che comportano tassi di coinvolgimento migliori di quasi il 20% e una frequenza di acquisto del 250% migliore rispetto alle campagne a canale singolo.

(ClickZ)

Canali di marketing in entrata

 

18. Il 93% delle esperienze di shopping online inizia con una ricerca organica

 

Questo è il motivo per cui le aziende continuano a dare la massima priorità alla SEO nel 2020. Le statistiche mostrano inoltre che l’81% dei consumatori fa ricerche online prima di un grande acquisto. È logico che i consumatori che prendono iniziative per raggiungere il tuo sito Web richiedano meno convincenti per effettuare un acquisto, motivo per cui Inbound Marketing ottiene risultati migliori.

(Google Search)

19. Almeno il 70% dei consumatori che utilizzano i motori di ricerca fa clic solo sui risultati organici

 

I consumatori sembrano essere diffidenti nei confronti degli annunci a pagamento sui motori di ricerca, come indicato dalle ultime statistiche di marketing su Internet, e preferiscono fare affidamento su risultati che si classificano in modo organico. Un’altra statistica interessante è che i risultati di ricerca organici possono generare lead 5,66 volte meglio degli annunci di ricerca a pagamento. Naturalmente, i maggiori vantaggi della ricerca organica sono quelli che riescono a posizionarsi vicino alla cima dei risultati.

(Martech)

20. I ricercatori B2B effettuano 12 ricerche, in media, prima di dedicarsi al sito di un Brand specifico

 

La ricerca per brand è stata a lungo l’area di interesse nel marketing B2B. Le ultime statistiche di marketing B2B, tuttavia, mostrano che i decision maker, per quasi il 60%, non cercano direttamente un brand. In effetti, ben il 70% degli acquirenti B2B inizia con una ricerca generica, alla ricerca di un prodotto e non di un brand specifico. Ciò è destinato a forzare un cambiamento nel modo in cui i marketer B2B impiegano la ricerca nelle loro strategie di marketing, con una maggiore attenzione necessaria per classificare in alto nei risultati di ricerca organici.

(Pensa con Google)

21. Le aziende che utilizzano il blog, vedono il 97% in più di link e condivisioni ai loro contenuti, rispetto a quelli che non lo fanno

 

Le statistiche sui blog mostrano che questa strategia rimane uno dei modi più efficaci per coinvolgere, informare e attirare lead. Le statistiche mostrano anche che il 55% dei responsabili delle decisioni considera la massima priorità di marketing dei contenuti della propria organizzazione. La ragione di ciò può essere trovata negli alti ritorni che un blog informativo ben mantenuto può guadagnare, con le aziende che danno la priorità ai loro sforzi di blog ottenendo un ROI 13 volte maggiore dal marketing dei contenuti.

(HubSpot)

22. Il 72% delle organizzazioni utilizza annunci di social media a pagamento o post promossi per il seeding dei contenuti

 

Ti interessa migliorare il ROI del tuo blog? Prova a utilizzare i canali di distribuzione a pagamento, che possono fornire una straordinaria spinta ai tuoi contenuti portandoli di fronte a persone che non lo vedrebbero altrimenti. Questa combinazione di marketing in entrata e in uscita è impiegata dall’84% delle organizzazioni impegnate nel marketing dei contenuti, con l’investimento aggiuntivo che si rivela utile in termini di maggiore portata che ti dà.

(Content Marketing Institute)

23. Almeno l’80% dei consumatori ha acquistato un software o un’app dopo aver visto il video del Brand

 

Se con il  marketing dei contenuti, utilizzando solo testi, immagini, info-grafiche ecc… è efficace, l’utilizzo del video lo è ancora di più. Le statistiche di marketing dei contenuti dimostrano costantemente che i media visivi vedono un forte coinvolgimento tra il pubblico, il che si riflette anche nella richiesta di oltre il 50% dei consumatori per una maggiore quantità di contenuti video dei brand che supportano. Che si tratti di blog, siti Web o account di social media, un numero significativo di consumatori ammette di essere influenzato dai contenuti video.

(Oberlo)

24. Il 65% dei consumatori preferisce utilizzare un’app di messaggistica quando contatta un’azienda

 

I tuoi sforzi di marketing in entrata spingono i clienti a venire da te, ma una volta raggiunto ciò, è anche importante essere disponibili a rispondere prontamente alle loro domande. Le statistiche di marketing del sito web mostrano che questo significa essere bravi nel tuo gioco di messaggistica. Le app e i chatbot di Messenger sono utilizzate dalle aziende più sensibili a questo proposito, con la prima che consente anche alle aziende di trasmettere informazioni per un’efficace comunicazione a due vie.

(Oracolo)

25. Il 90% dei Brand fa affidamento sui social media per creare consapevolezza del Brand

 

Con oltre 3 miliardi di utenti di social media in tutto il mondo, molti dei quali accedono regolarmente a più piattaforme, oggi non c’è posto migliore per raggiungere potenziali clienti di reti come Facebook, Instagram, YouTube e LinkedIn. Si stima che il rendimento delle entrate del marketing sui social media mobile supererà i $ 32 miliardi entro il 2020.

(Hootsuite)

26. Secondo le statistiche del marketing in entrata, l’email marketing può farti guadagnare un rendimento medio di $ 32 per ogni $ 1 speso

 

Un canale in uscita che trova anche un uso efficace nel marketing in entrata è l’e-mail, che rimane rilevante nell’era dei social media e della messaggistica. Con strategie efficaci come la segmentazione, i professionisti del marketing possono garantire alti tassi di apertura – fino al 50% – mentre la moltitudine di strumenti di automation marketing rende facile ed economico inviare e-mail tempestive alle mailing list.

(DMA)

Conclusione

 

È difficile sostenere che qualsiasi azienda nell’era digitale possa fare a meno del Inbound Marketing. Le strategie in uscita non sono del tutto irrilevanti, ma come mostrano queste statistiche sul marketing in entrata, tattiche come SEO e content marketing soddisfano meglio i consumatori che credono nel condurre le proprie ricerche prima di effettuare un acquisto. Nel frattempo, i team di marketing devono stare attenti perché le strategie che potrebbero aver funzionato per anni potrebbero diventare ridondanti.

lead generation guida inbound marketing b2b b2c per aziende

Write a comment

Send this to a friend